Please consider registering
guest

sp_LogInOut Log In sp_Registration Register

Register | Lost password?
Advanced Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 3 characters - maximum search word length is 84 characters

No permission to create posts
sp_Feed Topic RSS sp_TopicIcon
Maghi della chitarra e babbani
10-12-2013
5:06 pm
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

Le prime note che mi hanno colpito sono state forse quelle di (Dance with) The Guitar Man, di Duane Eddy, quasi in contemporanea con quelle, suonate dagli Shadows, di 'Apache'. Ero un bambino, quelle cose le suonava mio fratello, ma mi fecero venire voglia di provare a suonare la chitarra. A breve giro, arrivarono i Beatles, gli Stones, poco dopo Jimi Hendrix, i Cream e grande via dicendo. Anche nei gruppi vocali, le chitarre erano in rilievo e quindi, pur riservando una preferenza agli Shadows, in cui la chitarra era sempre in primo piano, poco a poco mi sono distaccato dalla necessità di ascoltare solo musica strumentale per chitarra.

Con l'inizio dello 'studio' del fingerpicking, di nuovo full immersion, grazie alla generosità di Stefan Grossman, che mi ha permesso di ascoltare tutto ciò che volevo della sua immensa discografia, dandomi anche preziose indicazioni, nella musica strumentale, prevalentemente per chitarra acustica sola.

C'è voluta la vera e propria provocazione di 'Yelda', di Reno Brandoni, accolta da me quasi con un certo fastidio iniziale, per cominciare a riconsiderare le cose, specialmente dal punto di vista discografico.

Dico 'dal punto di vista discografico', non a caso: vedere Tommy Emmanuel, ma anche Morone, Forcione, Bensusan e tantissimi altri chitarristi acustici live ti mostra come anche una chitarra da sola può essere un'orchestra.  E puoi uscire da un concerto di questo genere contento, emozionato e con la voglia di tornarci.

Un disco, in questa fase di mia personale riconsiderazione, è un'altra cosa: uno lo compra, nella miglior delle ipotesi, lo mette in uno stereo buono, si siede e l'ascolta. La mia speranza è che non si tratti obbligatoriamente di un mio amico, al quale ho regalato il CD, ma di un babbano qualunque che vuole ascoltare della bella musica, e mi chiedo: cosa gliene potrà fregare della difficoltà che ho avuto a far sembrare il mio strumento un po' più che una semplice chitarra? Se ha comprato un CD, perché deve sorbirsi delle stucchevoli percussioncelle sul top invece di un cazzuto batterista? Perché i miei bassetti alternati, invece di un bravo bassista, ecc?

Al lui, del nostro esercizio di magia, non frega assolutamente nulla...quelle cose vanno bene per la scuola dei maghi, ma i dischi dovremmo farli per i babbani, se non vogliamo restare autoreferenziali.

 

Ovvero: se vuoi sembrare un'orchestra, chiama altri musicisti, e lo sarai davvero.

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

10-12-2013
5:57 pm
fabfor
Member
Forum Posts: 186
Member Since:
06-10-2010
sp_UserOfflineSmall Offline

Ciao Giovanni,

sai meglio di me che in fondo l'autoreferenzialità è un tranello in cui può cadere il singolo "one man band" come i gruppi leggendari. Ho amato gli Stones tantissimo, ma credo che erano già autoreferenziali la prima volta che li ho ascoltati... ho 40 anni!

Sempre a proposito degli Stones, la leggenda narra che la prima volta che Brian Jones fece ascoltare un lp di Robert Johnson a Keith Richards, quest'ultimo abbia chiesto in modo particolarmente colorito "chi diamine fosse l'altro chitarrista".

RJ, così come molti bluesmen del Delta possono essere a ragion veduta considerati dei fingerpickers ante-litteram, ma che al di là dell'etichetta facevano di necessità virtù: si campava suonando agli angoli delle strade o nei locali dove ti davano da bere wiskey avvelenato (ma solo se ci provavi con la moglie del padrone). Ma da cotanta povertà di mezzi e conoscenze ne è venuto fuori qualcosa che ha ispirato e continua a ispirare schiere di musicisti.

La musica bella è bella, sia se fatta da un solo uomo con l'armonica come dalle grandi orchestre. Personalmente se vado ad un concerto e il chitarrista solitario propina lo show da circo applaudo e mi godo lo spettacolo, meno la musica... se suona, mi godo la musica, magari a occhi chiusi. La stessa cosa mi capita ascoltando un CD, non mi interessa che strumenti abbiano usato o in quanti abbiano partecipato alla realizzazione del disco, mi chiedo solo se mi piace quello che sto ascoltando. Poi sono uno sfigato perchè ho il tempo di ascoltare musica solo quando guido.

ps. Yelda l'ho ascoltato per qualche migliaio di Km!!

 

10-12-2013
6:19 pm
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

Ciao Fab, non posso che essere d'accordo in linea di principio. Di fatto, quando ascolto la musica, lo faccio da babbano...ma alla fine mi rendo conto che la musica che mi piace più ascoltare nei dischi è quella con più persone che suonano...dipenderà dalla musica che suonano, forse è anche più facile fare della bella musica con più musicisti, non lo so. Con fulgide eccezioni, spero che non verrà fatto un elenco di artisti che hanno fatto dischi eccezionali anche da soli...parlo di prevalenza. E se parliamo di ascolto in macchina, la mia specialità, quasi tutti i dischi di sola chitarra ne soffrono più degli altri, di quest'ascolto...

 

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

10-12-2013
10:25 pm
fabfor
Member
Forum Posts: 186
Member Since:
06-10-2010
sp_UserOfflineSmall Offline

 

Bello questo thread,

pensa che quando viaggio invece preferisco gli unplugged, li trovo più rilassanti.. giusto per dire "de gustibus".

Riguardo quanto hai scritto, concordo che sicuramente una musica "di insieme" è per forza di cose più completa di un singolo strumento... anche se in alcuni brani la performance isolata può infondere più emozioni rispetto ad una esecuzione di gruppo. Invece, per quanto mi riguarda, sto diventando molto intollerante alle parti vocali sostituite da uno strumento, specie se chitarra; mi pare un inutile tentativo di scimmiottare quello che per me rimane lo "strumento" più bello e affascinante in assoluto.

Grazie per questo scambio di idee.

 

Fabio

11-12-2013
3:01 am
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

grazie a te, Fabio. In realtà, esprimo un parere legato alle mie recenti esperienze ed a ciò che ho intenzione di fare nel mio prossimo CD.

Sono passati sette anni, e probabilmente saranno otto, quando uscirà il mio prossimo CD, da che è uscito l'ultimo, a parte le (per me) eccitantissime partecipazioni a 34 volte amore, alle due compilation di Peter Finger ed a quella del 5 Guitar Clan.

L'operazione che sto facendo è inversa a quella che ho sempre fatto, anziché raccontare con la chitarra la musica che mi piace (spessissimo canzoni), sto creando di esplodere alcune canzoni ed alcuni strumentali da brani nati come chitarristici o utilizzando arrangiamenti chitarristici per renderli polistrumentali.

Ho tre o quattro brani che mi sembravano cantabili, ho chiesto al mio grande amico Riccardo Sonzogni (Ric Velluto del forum) di scrivere i testi, cosa che ha fatto impareggiabilmente, le ho sottoposte a Delia Morelli che, ha detto, le canterà volentieri, e se sarò solo su un palco mi toccherà suonare l'arrangiamento per chitarra sola che in realtà era il brano originale :-)

Le esperienze recenti a cui mi riferivo sono proprio aver fatto qualche concerto con delia: al di là delle sue qualità, che diventano ovviamente preminenti, c'è che mi sembra di poter fare una buona base ed anche degli arrangiamenti decenti della parte/base di chitarra. 

L'altra è quella di aver realizzato, con l'aiuto di Lucrezio De Seta, la colonna sonora di una web-series che andrà in rete a breve, e sono brani suonati da chitarra, basso e batteria. La mia impressione è che il mio modo di suonare la chitarra non ne sia frustrato, anzi...e che il suono mi piaccia molto di più.

E quei tre brani della colonna sonora, magari rimaneggiati, saranno anche loro nel CD.

Ma quello che già mi risulta è che quelli che ho chiamato 'i babbani', sembrano gradire questa forma (chitarra e voce, chitarra ed altri strumenti, chitarra, voce e tutto) molto più immediatamente e con meno riserve rispetto alle (sostanzialmente) stesse cose fatte solo con la chitarra.

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

11-12-2013
9:17 am
Avatar
FingerCris
Friuli
Member
Forum Posts: 159
Member Since:
07-12-2009
sp_UserOfflineSmall Offline

Scusate se mi protubero nell'argomento.

Io ascolto molta musica solistica o quasi: chitarra sola (duo... anche trio, valà), pianoforte solo, organo solo. Quel che mi spinge un po' a farlo è anche immaginare come suonare personalmente qualcosa di simile (povero illuso). Nella mia vita quotidiana ho pochi soldi da investire e poco tempo, quindi immaginare un gruppo con cui suonare, con gli strumenti adatti, con il tempo e il posto dove trovarsi, mi viene difficile. Però condivido l'idea che la musica di gruppo sia più completa, più divertente per chi la fa e chi l'ascolta, più piena e più tanta. 

I miei ascolti ultimamente sono compressi in due momenti: in auto, dove ascolto quel che passa (Radio3 o Virgin di solito) oppure con le cuffiette quando faccio le pulizie il sabato. Purtroppo non ho un impianto hi-fi, da quando mi sono sposato.

Ciao, Cristiano

Life requires square shoulders, but I'd rather prefer the round ones of a J45

11-12-2013
9:36 am
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

Ciao Cristiano, grazie di protuberarti :-)

Condivido la mancanza di uno stereo...in realtà ne possiedo uno stravecchio senza poter neanche dire che era una meraviglia, la cosa migliore era il lettore di cassette :-( Ma ce l'ho smontato, sparso in vari posti.

Direi che siamo anche d'accordo...capisco il problema che dici,  infatti, dal 1980 al 2013 è un periodo abbastanza lungo per dirti che la difficoltà di suonare con altri musicisti la sento anche io :D  

Scriverò delle circostanze eccezionali che mi permettono stavolta (spero che possano esserci repliche in futuro) di circondarmi di musicisti che non avrei mai pensato accettassero di suonare con me...

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

11-12-2013
9:38 am
fabfor
Member
Forum Posts: 186
Member Since:
06-10-2010
sp_UserOfflineSmall Offline

Ciao Giovanni,

in effetti avevo percepito in quello che scrivevi una sorta di "inversione di marcia" che mi pare del tutto lecita e anzi, come dici tu, può evitare di cadere nell'autoreferenzialità o perlomeno fornire nuovi stimoli per intraprendere una strada meno conosciuta.

Io sono un "babbano" sia come ascoltatore che come musicista (oddio che parolona detta su per me) ma il fatto di preferire musica suonata in gruppo da quella di un singolo strumento può essere anche dovuto al tipo di musica e mi pare di capire che i "babbani" di cui parli abbiano gradito dei pezzi da colonna sonora, che per antonomasia è un genere "orgiastico" (m' è venuta così!!)

Per Chris, allora non sono il solo sfigato a sentire la musica in auto o al massimo in cuffia... per suonare insieme bisogna anche un po' adattarsi, e se togli la batteria si può suonare in due-tre anche a casa prima di cena, come faccio io, senza rischiare denuncie.

ciao

Fabio

11-12-2013
9:59 am
Avatar
FingerCris
Friuli
Member
Forum Posts: 159
Member Since:
07-12-2009
sp_UserOfflineSmall Offline

Uno dei miei più bei ricordi di esperienze musicali riguarda un brevissimo periodo della metà anni '80 in cui suonavo in una tavernetta isolata assieme a tre amici strumenti che definirei "di fortuna": un vecchio piano acustico semidistrutto preso a nolo, un basso no-brand, un fantastico mooooooog monofonico analogico, un paio di congas due tom e una campana. Ogni tanto il batterista suonava anche le congas con le bacchette se mancava il congaro, io suonavo il piano e il moog e un altro suonava il basso. A volte ci scambiavamo di posto e veniva fuori comunque qualcosa. Era solo per gioco, tra noi, ma è stato veramente coinvolgente, molto improvvisato, spesso adrenalinico.

Non ho più provato nulla del genere...

 

Ciao, Cristiano

 

PS per Giovanni: in bocca al lupo per il nuovo CD, dunque.

Life requires square shoulders, but I'd rather prefer the round ones of a J45

11-12-2013
10:15 am
fulvio
Riserva Navajo
Membro
Forum Posts: 1807
Member Since:
29-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline


Giovanni said

...  del nostro esercizio di magia, non frega assolutamente nulla...quelle cose vanno bene per la scuola dei maghi, ma i dischi dovremmo farli per i babbani, se non vogliamo restare autoreferenziali.
Ovvero: se vuoi sembrare un'orchestra, chiama altri musicisti, e lo sarai davvero.

 

Ciao Giovanni,

totalmente d'accordo.
Personalmente sono sempre stato attratto dalle performance di chitarristi soli nei pub (ai tempi che il fumo nei locali si affettava con il coltello) e tuttora ritengo che il chitarrista da solo sia un ottimo spettacolo dal vivo quanto "insufficiente" su disco (con le dovute eccezioni).

A suo tempo ho distribuito un elevato numero di cd "34 volte amore" a amici e parenti, notoriamente persone normali che fruiscono musica di tutti i generi dai media. Ebbene ho scoperto che la maggior parte di loro non riusciva a decifrare la melodia dagli arrangiamenti, non riconosceva le canzoni. Questo per me la dice lunga.

 

Fulvio

Non sei mai solo se ti piace la Telecaster

11-12-2013
11:21 am
Avatar
FingerCris
Friuli
Member
Forum Posts: 159
Member Since:
07-12-2009
sp_UserOfflineSmall Offline

Ah sì, dimenticavo... Volevo aggiungere una nota sull'autoreferenzialità. Io non vado a molti concerti ma spesso noto due cose nei concerti solisti: il pubblico che guarda le mani, il chitarrista che parla di accordature. Trovo che la cosa sminuisca il motivo principale dell'evento: la musica.

Un musicista che ha messo la musica al centro dell'attenzione in un recente concerto a Madame Guitar di Tricesimo è Francesco Buzzurro.

 

Ciao, Cristiano

Life requires square shoulders, but I'd rather prefer the round ones of a J45

11-12-2013
11:29 am
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

Per Fabio: in effetti, per realizzare questo cambiamento, avevo la scelta tra tornare ad una chitarra monofonica o ritmica, e cioè, tornare a suonare la chitarra elettrica come un bambino (il mio livello), o suonare come suono (come un vecchio) la chitarra acustica...ho scelto questa via, col timore che non suonasse bene con un basso, una batteria ed altri strumenti, che tra l'altro voglio molto presenti e non di semplici sostegno. Per ora, mi sembra che il risultato non sia una ciofeca, almeno come suoni :-)

Genere orgiastico? ficoClap

Per Cristiano:lo vedi? Ci si diverte di più...è dal 1971 che non suono in un gruppo!

Fulvio, fatti restituire i CD, o miei amici sono più gentili, e certe cose non me le dicono :D Magari si tengono il disco imballato, per scambiarlo su internet, ma certe cose, no  Cool

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

11-12-2013
11:33 am
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

FingerCris said
Ah sì, dimenticavo... Volevo aggiungere una nota sull'autoreferenzialità. Io non vado a molti concerti ma spesso noto due cose nei concerti solisti: il pubblico che guarda le mani, il chitarrista che parla di accordature. Trovo che la cosa sminuisca il motivo principale dell'evento: la musica.

Un musicista che ha messo la musica al centro dell'attenzione in un recente concerto a Madame Guitar di Tricesimo è Francesco Buzzurro.

 

Ciao, Cristiano

E ti credo...le mani di Francesco non si vedono, e usa l'accordatra standard :D

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

11-12-2013
12:53 pm
Avatar
FingerCris
Friuli
Member
Forum Posts: 159
Member Since:
07-12-2009
sp_UserOfflineSmall Offline

Buzzurro è sicuramente un chitarrista più che capace, ma soprattutto è capace di astrarre la musica dalla difficoltà tecnica. Fa sembrare tutto facile, fluido e tiene lo spettatore sull'emozione della musica anche presentando il brano per legarlo all'emozione che ha mosso lui a interpretarlo, arrangiarlo o comporlo.

Però ti contraddico: almeno un brano lo ha suonato in DADGAD, o Drop D (ora non ricordo... ho un'età).

 

Ciao, Cristiano

Life requires square shoulders, but I'd rather prefer the round ones of a J45

11-12-2013
1:18 pm
Avatar
aretna
Ravenna
Member
Forum Posts: 722
Member Since:
03-03-2008
sp_UserOfflineSmall Offline

Quando avevo 12 anni andai con mio padre e molti suoi colleghi di lavoro a Barcellona in viaggio premio.Il viaggio era organizzato nella visita dei vari luoghi.Tra le altre cose era prevista una sera al night.Ricordo ancora benissimo che prima dello spettacolo di donnine come intrattenimento ci fu una esibizione di un bravissimo chitarrista di flamenco e rimasi abbagliato dalla bellezza di quella musica, di quelle dita che si muovevavo sul manico,dal movimento della mano destra,mentre non ricordo niente delle donnine.Che dite è grave? Scusate il breve OT.Smile

11-12-2013
1:23 pm
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

un vero babbano si ricorderebbe solo le donnine :-) sei un maghetto, non c'è niente da fare

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

11-12-2013
9:13 pm
carlottah
Membro
Forum Posts: 3322
Member Since:
30-06-2003
sp_UserOfflineSmall Offline

non ho capito se vuoi dire che dobbiamo smettere tutti e chiudere il sito! ;-)

Daniele Bazzani
http://www.danielebazzani.com

"Dio mi perdonerà, è il suo mestiere." (Woody Allen)

11-12-2013
9:28 pm
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

 E perché Daniele? Jerry Reed e Chet Atkins non suonavano prevalentemente con altri musicisti? Non suonavano fingerpicking?

E poi, questa era una considerazione che riguardava i dischi, a partire dal mio prox, e magari basta :-)

 

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

11-12-2013
10:11 pm
Avatar
brucelucio
Member
Forum Posts: 122
Member Since:
25-04-2010
sp_UserOfflineSmall Offline

Beh..."babbani". non ho capito bene cosa intiendi con codesta parola, caro GiovanniSmile

Ma da quello che ho capito penso che anche io lo sono. Per esempio: Chet Atkins l' ho ascoltato molto poco, o per niente quando suona da solista, anche se lo fa da suo pari...beh, e' il padre del fingestyle moderno, no? (almeno dal punto di vista Nashvilliano), ma...quando suona e canta o duetta, beh e' tutto un altro discorso. Prova ne e'  che ho consumato la musicassetta che comprai nel  1990 "Neck & Neck". Album, questo, inciso con Marknopfler e che mi ha deliziato per anni. Mi feci spedire anche per posta, dall' Inghilterra, il libro-spartiti dell' album per avere modo di ascoltare i vari pezzi seguendo il pentagramma. 

Ecco, credo che se i brani  fossero stati incisi con chitarra sola, mono-o polifonica che fosse, non avessero fatto presa su di me come nel caso in oggetto.

 

11-12-2013
10:51 pm
Giovanni
Membro
Forum Posts: 3477
Member Since:
21-10-2002
sp_UserOfflineSmall Offline

Allora, volentieri ti spiego la parola 'babbani' : è evidente che non hai la mia età, ne dei figli con l'età delle mie...sennò ti sarebbe stato difficile non capirla, ma è molto semplice :-) Nella serie di romanzi, e film, di Harry Potter, il protagonista, un bambino, viste le sue doti, viene mandato in una scuola di magia.

Gli apprendisti maghetti chiamano le persone estranee al loro mondo magico i 'babbani', senza nessuna ingiuria.

Nonostante sia da anni socio del chetatkinsfanclub, non conosco che una piccolissima parte della enorme produzione di Chet Atkins, ma ho avuto l'onore di conoscere, nella chat room dove spesso mi fermavo a suonare il sabato notte, Paul Yandell, che ha suonato la chitarra ritmica prima con Jerry Reed e poi con Atkins, per una trentina d'anni o più. Questo per dire che non credo che la maggior parte della sua produzione sia stata di chitarra sola, se consideri che oltre a duettare con Mark Knopfler lo ha fatto con Lenny Breau, con Jerry Reed e con cento altri, compreso lo stesso Tommy Emmanuel.

 Purtroppo anche Yandell è venuto a mancare recentemente. L'ho sentito suonare 'Borsalino' in chat da solo, e sembrava l'avesse riscritta lui...un grande, a sua volta.

 

"It's only my opinion, but it should be yours too" (Chet Atkins)

No permission to create posts
Forum Timezone: Europe/Rome

Most Users Ever Online: 303

Currently Online:
12 Guest(s)

Currently Browsing this Page:
1 Guest(s)

Top Posters:

gioghitàr: 6990

Dario57: 5630

pacotom: 5437

wayx: 5271

rylan131: 4521

nonny guitar: 3964

futre: 3743

Giovanni: 3477

carlottah: 3322

ric velluto: 2991

Member Stats:

Guest Posters: 3

Members: 12966

Moderators: 2

Admins: 2

Forum Stats:

Groups: 6

Forums: 20

Topics: 9673

Posts: 126796

Newest Members:

konrad, walterkonrad, slytry

Moderators: margio: 584, moderatore:

Administrators: brandoni: 912, admin: 159